Warning: Cannot assign an empty string to a string offset in /web/htdocs/www.naliyoga.it/home/wp-includes/class.wp-scripts.php on line 492
Annalisa Zapparoli ~ Nali Yoga

Annalisa Zapparoli

Se c’è una cosa a cui sono veramente grata è il mio mal di schiena. Già, perché grazie ad esso, all’età di 18 anni, ho cominciato a praticare yoga. Ho iniziato, dunque, come tanti, ma la disciplina mi ha affascinato a tal punto che mi ci sono dedicata anima e corpo, cercando di accrescere la mia consapevolezza ogni volta che mi ritrovavo sul tappetino.
L’incontro con il Maestro Bruno Baleotti della palestra Panax di Bologna ha segnato la svolta nel mio cammino. Grazie a lui ho compreso il significato profondo della pratica, grazie a lui ho compreso ciò che mi mancava per “andare oltre” e che il mio percorso sarebbe stato l’insegnamento, e così, dopo 3 anni di scuola, nel 2000, ho ricevuto l’abilitazione ad insegnare.
Questo passaggio ha segnato una tappa fondamentale nella mia crescita personale ed è stato un ulteriore stimolo per continuare a migliorarmi.
Lo yoga è un percorso infinito, ogni maestro ha qualcosa da insegnarci e per questo ringrazio quelli che hanno incrociato, e incrociano, la mia strada: Marco Barbieri (Narayana Modena) di cui ho seguito il corso insegnanti, Piero Vivarelli (Anusara Yoga), ma soprattutto Stewart Gilchrist per la spiritualità che è riuscito a trasmettermi attraverso la sua pratica, Elena De Martin, grazie alla quale ho avuto l’opportunità di conoscere l’Ashtanga Yoga nella splendida cornice di Goa, in India e – last but not least – tutti quelli che ho avuto l’occasione di conoscere partecipando ai loro workshop.
Ringrazio infine tutti i miei allievi, perché senza di loro non potrei essere un’insegnante e perché, grazie a loro, posso mettermi in discussione e migliorare giorno dopo giorno.

Namaste

La pratica dello yoga è una trasformazione graduale, da uno sforzo pieno di sforzo allo sforzo senza sforzo, che minimizza lo sforzo fisico ed esalta le qualità dell’ intelligenza nell’osservazione e nell’attenzione, affinchè il sadhaka possa utilizzarle per penetrare il proprio obiettivo: l’acquisizione della conoscenza e dell’esperienza spirituale.
(B.K.S. Iyengar)

 

X